Il potere della frangia

Vantaggi e svantaggi

Il potere della frangia
Sono molte le donne che nel corso degli anni hanno alternato tagli diversi.
C’è chi ha la costante necessità di sperimentare perché con lo stesso taglio per più di mese non ci riesce a stare, chi dà un taglio drastico al passato e rivoluziona la sua testa e chi così per provare decide di fare una pazzia e cambiare!
Le ragioni che portano al cambio di acconciatura possono essere le più svariate.
La cosa bella di tutto questo è che si assiste a una moltitudine di testa diverse, alcune spiccano più di altre, tagli corti, tagli lunghi, caschetti, teste fluo, insomma di tutto di più.

Ma c’è un trend che non è mai fuori moda e che da molti decenni accompagna le più svariate capigliature: la frangia. Da sempre è sinonimo di fascino e sensualità, rende le donne irresistibili e ha frangia ha il magico potere di dare armonia ai lineamenti anche dei visi più rigidi.

Già dagli anni venti la frangia inizia ad essere la protagonista prima dell’élite e della borghesia contribuendo a dare al look quella particolarità in più. Nel corso degli anni poi si diffonde sempre di più anche tra le fasce meno abbienti della società. Il suo momento di notorietà però arriva intorno agli anni 50 quando inizia a comparire anche nel cinema, per poi rimanere sulla cresta dell’onda fino ad oggi.

frangia

Della frangia esistono svariate declinazioni, che si sono alternate nei vari decenni e che sono state l’emblema di personaggi del cinema, dello spettacolo e della moda, identificando delle vere e proprie icone.
Se le frange dei primi del Novecento erano semplici, accompagnavano capelli lunghi oltre la spalla oppure o in alcuni casi dei caschetti, queste erano semplici dal taglio netto e poco voluminose.
Il cambio di rotta arriva intorno agli anni 60/70 quando gli schemi e le cose fatte fino ad allora iniziano a stare strette ai parrucchieri del periodo e si inizia a sperimentare, non più le classiche frange, ma si cambia e si osa di più.

Si passa dunque da frange molto corte e dritte a soluzioni che arrivano anche a coprire gli occhi e a essere molto voluminose.

È passato un secolo e la frangia è ancora di moda, col tempo si è evoluta, oggi si assistono alle sue più svariate accezioni, corta, lunga, irregolare, andamento obliquo, fino a darle ancor maggior risalto con l’uso del colore.

Vantaggi e svantaggi della frangia

La frangia è un vezzo, molte persone la portano per senso di appartenenza oppure semplicemente per questioni di stile. Ma non si può ricondurre solo a questo, la frangia è spesso portata anche per questioni estetiche, per cercare equilibrio e armonia nel viso.

C’è chi la prova una volta sola e chi invece non ci può rinunciare e diventa il suo tratto caratteristico, un accessorio irrinunciabile!

C’è chi la porta per timidezza, perché rappresenta una barriera, un muro col quale nascondersi.

Ma la frangia non serve solo a nascondere, ma anche ad esaltare la profondità degli occhi o degli zigomi.

La frangia dritta, lineare è perfetta per esaltare i dettagli. Ma è anche un ottimo modo per mascherare fronti troppo basse o troppo alte e visi dalla forma allungata.

Con l’avanzare dell’età diventa un ottimo alleato per mascherare qualche ruga di troppo sulla fronte.
È un accessorio che deve essere modellato sul viso, a seconda dei diversi lineamenti, va proporzionata.

Il caso in cui non va mai portata è se si ha un viso paffuto, perché tende a accentuare la sua rotondità! Anche con i capelli ricci non è proprio consigliata.

E tu ti senti pronta a sfoggiare la frangia?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *